Il Maritime Safety Committee dell'IMO sollecita l'istituzione di un fondo internazionale per creare centri per assistere le navi in difficoltà presso le coste dell'Africa

Il Maritime Safety Committee (MSC) dell'International Maritime Organization (IMO) ha sottolineato ieri la necessità di istituire un fondo internazionale per costituire dei servizi di search and rescue (SAR) lungo le coste dell'Africa, inclusa la realizzazione di cinque Maritime Rescue Co-ordination Centres (MRCCs) regionali e di ventisei Maritime Rescue Sub-Centres (MRSCs).

Il britannico Tom Allan, presidente del Maritime Safety Committee, ha detto che il comitato raccomanderà al consiglio dell'IMO, che si riunirà il prossimo mese, di istituire nel più breve tempo possibile il fondo internazionale per sostenere la realizzazione e il mantenimento dei centri di ricerca e soccorso per assistere le navi in difficoltà nelle acque degli oceani Atlantico e Indiano in prossimità delle coste africane.

“Una volta istituito il fondo internazionale SAR, – ha spiegato Allan – tale fondo assisterà le nazioni che non hanno le risorse per costituire un'adeguata struttura SAR e potrà così colmare una carenza negli sforzi attuati dall'IMO per istituire un piano SAR globale, su basi realistiche, efficienti ed efficaci. La questione è di natura profondamente umanitaria e la decisione del comitato ha un valore storico”.

Una prima proposta volta a considerare le possibilità per istituire un fondo SAR per creare servizi di salvataggio lungo le coste africane è stata inclusa in una risoluzione adottata da una conferenza SAR e GMDSS (Global Maritime Distress and Safety System) organizzata dall'IMO e svoltasi a Firenze nell'ottobre del 2000.

La convenzione SAR, adottata dall'IMO il 27 aprile 1979, ha l'obiettivo di istituire un sistema globale che consenta di rispondere alle emergenze in mare e il sistema GMDSS è stato messo in atto per dare al sistema SAR il necessario supporto sul piano delle comunicaioni.

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento