Al Salerno Container Terminal approderanno le navi delle grandi alleanze armatoriali Ocean Alliance e THE Alliance

La prima attiverà un collegamento settimanale con gli USA, la seconda programmerà cinque toccate alla settimana con import-export per tutti i continenti

Salerno Container Terminal (SCT), la società terminalista del Gruppo Gallozzi che gestisce il terminal contenitori al Molo Trapezio del porto di Salerno, ha annunciato di aver siglato accordi commerciali con due nuove mega aggregazioni dello shipping mondiale, ovvero Ocean Alliance e THe Alliance, che hanno scelto il terminal campano quale approdo di riferimento nel Sud Italia.
SCT ha specificato che dal prossimo mese Ocean Alliance, che è stata costituita dalla compagnia francese CMA CGM, dalle cinesi COSCO Shipping e OOCL e dalla taiwanese Evergreen, renderà operativo un collegamento settimanale full container con gli Stati Uniti (New York, Norfolk, Savannah, Miami).
Sottolineando che il porto di New York sarà raggiungibile da Salerno in soli quindici giorni, il presidente di Gruppo Gallozzi, Agostino Gallozzi, ha rilevato che, «in una fase di grande fermento del mercato americano, il collegamento marittimo tramite Salerno Container Terminal assicurerà ulteriori opportunità competitive alle aziende esportatrici della Campania e del Centro/Sud Italia, particolarmente nel comparto del food, ma non solo. Ad un anno di distanza dal lancio su Salerno del servizio di collegamento settimanale, in partnership con la tedesca Hapag-Lloyd, con Australia, Cina (via Singapore), Sud Est Asiatico (via Port Kelang), India e Nord Europa, la CMA CGM – ha spiegato Gallozzi – ha deciso di raddoppiare gli scali nel nostro porto premiando un’esperienza che si è rivelata positiva ed in sintonia con la domanda di approdi diretti nel Sud Italia».
Inoltre SCT ha anticipato che a breve anche l’altro grande consorzio mondiale THE Alliance annuncerà i nuovi servizi offerti dal porto di Salerno. «THE Alliance – ha ricordato Gallozzi – vede aggregate insieme le linee della tedesca Hapag-Lloyd con quelle delle giapponesi “K” Line, NYK, MOL e della taiwanese Yang Ming. Hapag-Lloyd – ha precisato – ha eletto Salerno quale proprio main regional port al servizio dei mercati del Meridione d’Italia, garantendo ben cinque approdi alla settimana (import ed export per tutti i continenti ed ogni area del Mediterraneo)».

Articolo realizzato da InforMare S.r.l. – Riproduzione riservata

 

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento