Il bilancio 2016 dell’Autorità Portuale di Livorno presenta un avanzo di amministrazione di 47 milioni di euro

Le entrate sono ammontate a 36,9 milioni. Spesi 25,6 milioni per interventi infrastrutturali

Ieri il Comitato Portuale di Livorno ha esaminato e approvato il bilancio consuntivo del 2016 dell’Autorità Portuale che presenta un utile di esercizio al netto delle imposte di 10,7 milioni di euro, un avanzo di amministrazione di 47,4 milioni di euro, di cui 14,4 disponibili.
Il documento evidenzia che l’anno scorso sono stati impegnati 42 milioni di euro, di cui 25,6 per interventi infrastrutturali come il dragaggio dell’Imboccatura Sud e le attività propedeutiche della Piattaforma Europa, mentre sul fronte delle entrate l’Autorità Portuale ha incamerato 36,9 milioni di euro, di cui 19,7 dalle tasse sulle merci imbarcate e sbarcate, di ancoraggio ed erariali, 11,8 da proventi relativi alla riscossione dei canoni demaniali e 4,7 da trasferimenti di risorse Stato/Regioni.
L’Autorità Portuale ha sottolineato che «il quadro contabile che emerge dai dati del bilancio consuntivo è positivo e l’avanzo di amministrazione testimonia la solidità finanziaria dell’ente» e che «i 25 milioni di euro per le opere infrastrutturali dimostrano che l’ente mantiene una buona capacità finanziaria per gli investimenti strategici in porto».
Inoltre l’Autorità Portuale ha sottolineato che i tempi medi di pagamento dell’ente alle imprese del settore «mettono in evidenza l’efficienza di Palazzo Rosciano: nel 2016 – ha spiegato l’authority – le imprese sono state pagate mediamente entro 24 giorni dalla ricezione della fattura elettronica, vale a dire sei giorni prima rispetto ai 30 giorni previsti dalla normativa».
L’ente portuale di Livorno ha reso noto che oggi toccherà al Comitato Portuale di Piombino approvare il bilancio consuntivo e che, terminata questa prima fase, si procederà ad unificare i bilanci dell’Autorità Portuale di Livorno e di quella di Piombino, enti di cui la recente riforma della normativa in materia portuale portuale ha stabilito l’accorpamento per costituire l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale che avrà giurisdizione sui due porti toscani.

Articolo realizzato da InforMare S.r.l. – Riproduzione riservata

 

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento