CMA CGM ristruttura i collegamenti marittimi containerizzati tra il Nord Europa/Mediterraneo e il Sud America

Dalla rotazione del servizio Sirius verranno eliminati gli scali ai porti italiani di Livorno e Gioia Tauro

La compagnia di navigazione francese CMA CGM ha annunciato una ristrutturazione della propria offerta di collegamenti marittimi containerizzati con il Sud America conseguente al progetto di acquisizione della compagnia di navigazione brasiliana Mercosul Line, che verrà ceduta dal gruppo danese A.P. Møller-Mærsk.
La riorganizzazione riguarda il servizio di linea Safran, che collega il Nord Europa con l’America Latina, e il servizio di linea Sirius, che collega il Mediterraneo con i porti sudamericani. Le nuove configurazioni delle due rotte saranno introdotte per il servizio Safran con la partenza dal porto di Rotterdam del prossimo 27 settembre e per il servizio Sirius con la partenza dal porto di Malta Freeport del prossimo 6 ottobre.
La rotazione del nuovo servizio Safran toccherà i porti di Rotterdam, Londra, Amburgo, Anversa, Le Havre, Algeciras, Santos, Paranagua, Buenos Aires, Montevideo, Itapoa, Paranagua, Santos, Pecem e Tanger Med.
La rotazione del nuovo servizio Sirius, che è realizzato assieme alle compagnie Hamburg Süd, Mediterranean Shipping Company (MSC) e United Arab Shipping Company (UASC), scalerà i porti di Malta Freeport, Genova, Barcellona, Valencia, Algeciras, Salvador, Itaguai, Santos, Itapoa, Buenos Aires, Rio Grande, Itajai, Itapoa, Santos, Itaguai, Tanger Med e Algeciras. La compagnia francese eliminerà quindi dalla rotazione i porti italiani di Livorno e di Gioia Tauro che sinora fanno parte degli scali del Sirius offerti da CMA CGM così come il porto francese di Marsiglia Fos, che nella nuova configurazione del Sirius non compare tra gli approdi mediterranei.
Tre delle otto navi impiegate nel rinnovato servizio Sirius saranno fornite dalla CMA CGM, che in precedenza si limitava a noleggiare spazi di carico sulle portacontainer utilizzate sulla rotta.

Articolo realizzato da InforMare S.r.l. – Riproduzione riservata

 

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento