Accordo di collaborazione tra la Regione Abruzzo e l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale

D’Alfonso: è un atto che serve a rende scorrevole il quadro degli investimenti previsto per i porti di Pescara e Ortona

La Regione Abruzzo e l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale hanno sottoscritto un protocollo “ricognitivo” e di “coordinamento” con lo scopo di migliorare i rapporti tra i due enti e garantire l’efficacia degli investimenti programmati nei porti di Pescara e Ortona.
«È – ha spiegato il presidente della Regione, Luciano D’Alfonso – un atto di collaborazione che serve a rende scorrevole il quadro degli investimenti che abbiamo previsto per i porti di Pescara e Ortona. Sono opere che mirano a migliorare il nostro patrimonio portuale e garantire la funzionalità dell’economia del mare. Questo protocollo ha l’obiettivo di includere tutte le attività di investimento avviate da noi nella nuova governance territoriale dell’Autorità Portuale del Mare Adriatico. Penso, ad esempio, al taglio della diga foranea, all’allungamento dei moli e alla messa in esercizio del piano regolatore portuale. E poi ci sono le iniziative che riguardano la promozione dell’arrivo di nuovi vettori che sono interessati ai nostri scali».
Il presidente dell’AdSP, Rodolfo Giampieri, ha espresso soddisfazione per la firma dell’accordo, «perché – ha specificato – rende sinergico i rapporti tra Regione e Autorità Portuale. È un accordo – ha aggiunto – mirato a mettere in moto gli investimenti della Regione Abruzzo con risorse nazionali ed europee che il presidente D’Alfonso ha cercato e ottenuto. Un atto formale, ma concreto, che ha l’obiettivo di rendere operativi gli investimenti infrastrutturali indispensabili per il porto di Pescara e di Ortona, lavori che serviranno a rendere competitivi e integrati le due infrastrutture nella strategia dell’Autorità di Sistema Portuale. È dimostrazione che le istituzioni, inoltre, quando collaborano insieme, riescono ad ottenere grandi risultati».

Articolo realizzato da InforMare S.r.l. – Riproduzione riservata

 

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento