RINA Services supporterà Eni nel progetto Coral South e seguirà il primo FLNG in Africa

L’unità galleggiante per la liquefazione ed esportazione del gas sarà una delle tre esistenti al mondo

RINA Services, società di classificazione, test, ispezione e servizi di certificazione del gruppo RINA, ha reso noto di essere stata scelta da Eni East Africa quale società di certificazione per la progettazione e la fabbricazione delle strutture e strumentazioni sottomarine, oltre che per la validazione della qualifica tecnologica, di Coral South, la complessa unità galleggiante di Eni per la liquefazione ed esportazione del gas (FLNG), la prima unità di questo tipo in Africa.
L’FLNG sarà una delle tre esistenti al mondo e verrà installata nella zona sud dell’Area 4, al largo della costa del Mozambico, nelle profonde acque del bacino di Rovuma. RINA Services ha evidenziato che, grazie alla dimensione del progetto, la qualità delle risorse e la sua posizione, il Coral South darà una forte spinta all’economia del Mozambico.
Scoperto nel 2012 da Eni, il giacimento di gas naturale Coral contiene circa 450 miliardi di metri cubi (16 tcf), di gas di cui la prima fase di sfruttamento del bacino Coral mira a svilupparne circa 140 (5 tfc). L’inizio della produzione è programmato per il 2021.
L’unità FLNG avrà una capacità di circa 3,4 Mtpa (milioni di tonnellate l’anno) e RINA Services, oltre ad essere la società di certificazione della progettazione e della fabbricazione del riser, la condotta flessibile per il trasferimento del prodotto dal fondo del mare, degli ombelicali e del sistema di produzione sottomarino, avrà anche il compito di convalidare le tecnologie messe in campo da Eni per la prima volta e che potrebbero pertanto presentare elementi di criticità durante la fase di sviluppo del progetto.
RINA Services ha spiegato che l’FLNG Coral South sarà la prima nel suo genere per la principale oil major italiana e, richiedendo nuove tecnologie, sarà fondamentale che queste siano validate da un soggetto competente in grado di assicurare che rispondano agli specifici criteri di prestazione e che, al contempo, siano sicure.

Articolo realizzato da InforMare S.r.l. – Riproduzione riservata

 

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento