Bureau Veritas, calo dei ricavi e crescita degli ordini nel segmento dell’industria navale

Nel terzo trimestre il volume d’affari della società di certificazione e classificazione è risultato stabile

Nel terzo trimestre di quest’anno il volume d’affari della società di certificazione e classificazione Bureau Veritas (BV) è rimasto stabile essendo ammontati a 1,13 miliardi di euro, cifra analoga a quella del corrispondente periodo del 2016. Nel solo segmento dell’industria navale i ricavi sono stati pari a 85,8 milioni di euro, con un calo del -6,7% sul periodo luglio-settembre dello scorso anno.
Bureau Veritas ha reso noto che, relativamente al segmento Marine & Offshore, nel solo comparto navale è stato registrato un accentuato calo nel settore delle nuove costruzioni ed una rilevante crescita in quello dei servizi, mentre nel comparto offshore è stata rilevata un’ulteriore flessione nel settore degli studi di valutazione dei rischi. Nel terzo trimestre del 2017 i nuovi ordini nel settore navale sono stati pari a 4,1 milioni di tonnellate di stazza lorda rispetto a 1,6 milioni di tsl nello stesso periodo dello scorso anno e al 30 settembre scorso la consistenza del portafoglio ordini è risultata pari a 13,0 milioni di tsl rispetto a 14,1 milioni di tsl al 30 settembre 2016. Al 30 settembre 2017 la consistenza della flotta in classe BV era pari a 118,1 milioni di tsl rispetto a 114,0 milioni di tsl al 30 settembre 2016.
Nei primi nove mesi del 2017 il gruppo francese ha totalizzato ricavi pari a 3,49 miliardi di euro, con un aumento del +4,0% sul periodo gennaio-settembre del 2016. Nel segmento Marine & Offshore i ricavi sono risultati pari a 276,6 milioni di euro (-6,5%).

Articolo realizzato da InforMare S.r.l. – Riproduzione riservata

 

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento