In miglioramento le performance nel segmento del trasporto marittimo containerizzato delle giapponesi “K” Line, MOL e NYK

Forte crescita dei volumi di carichi trasportati sulle principali rotte, in particolare su quella Asia-Europa

Nel secondo trimestre dell’anno fiscale 2017, periodo che si è concluso lo scorso 30 settembre, le società armatoriali giapponesi Kawasaki Kisen Kaisha (“K” Line), Mitsui O.S.K. Lines (MOL) e Nippon Yusen Kaisha (NYK) hanno registrato un sensibile aumento del volume d’affari e un miglioramento delle performance nel segmento del trasporto marittimo containerizzato, attività che recentemente le tre compagnie hanno concordato di fondere dando vita alla joint venture Ocean Network Express (ONE). La joint venture diventerà operativa il 1° aprile 2018, ma intanto in questi giorni inizierà l’attività commerciale volta a promuovere i nuovi servizi containerizzati della ONE. Inoltre il prossimo gennaio è prevista l’apertura del quartier generale della joint venture a Singapore e dal prossimo febbraio sarà attivato il sistema operativo e di booking che gestirà la nuova attività.
Intanto “K” Line ha archiviato il secondo trimestre dell’esercizio fiscale 2017 con ricavi pari a 291,5 miliardi di yen (2,6 miliardi di dollari), con un incremento del +18,2% rispetto a 246,6 miliardi di yen nel periodo luglio-settembre dell’esercizio precedente. Risultato operativo e risultato netto sono stati entrambi di segno positivo e pari rispettivamente a 2,4 miliardi e 4,6 miliardi di yen contro risultati di segno negativo e pari a -13,6 miliardi e -23,7 miliardi di yen nel secondo trimestre dell’anno fiscale 2016.
Nel solo segmento del trasporto via mare di container “K” Line ha totalizzato ricavi pari a 157,2 miliardi di yen (+26,1%) ed un utile ordinario di 2,9 miliardi di yen rispetto ad un risultato di segno negativo per -8,7 miliardi di yen nel trimestre estivo del 2016. Nel periodo luglio-settembre di quest’anno la flotta di portacontainer della compagnia ha trasportato complessivamente volumi di carico pari a 588mila teu sulle principali rotte Asia-Nord America e Asia-Europa, con una progressione del +5,2% sullo stesso periodo del 2016. In particolare, sulle rotte transpacifiche i volumi sono risultati pressoché stabili essendo stati pari a 373mila teu (-0,8%), di cui 268mila teu nella direzione eastbound (+0,8%) e 105mila teu dal Nord America all’Asia (-4,5%), mentre sulle rotte Asia-Europa i volumi sono cresciuti del +17,5% essendo ammontati a 215mila teu, di cui 122mila nella relazione westbound (+17,3%) e 93mila in quella opposta (+17,7%).
MOL ha chiuso il secondo trimestre dell’esercizio fiscale 2017 con ricavi pari a 415,6 miliardi di yen (+17,6%), con un utile operativo di 10,0 miliardi di yen (+543,9%) e con un utile netto di 7,8 miliardi di yen (-46,3%). Alla voce del trasporto marittimo containerizzato la compagnia ha segnato ricavi pari a 194,0 miliardi di yen (+33,4%) ed un utile ordinario di 2,1 miliardi di yen rispetto ad un risultato di segno negativo per -9,7 miliardi di yen nel periodo luglio-settembre dello scorso anno.
Nel trimestre luglio-settembre del 2017 le navi portacontenitori della MOL hanno trasportato carichi pari ad un totale di oltre 1,2 milioni di teu su tutte le rotte in cui sono impegnate (+18,6%). Sulle sole rotte transpacifiche e Asia-Europa i volumi sono ammontati a 662mila teu (+31,6%). In particolare, i servizi Asia-Nord America hanno trasportato globalmente 371mila teu (+14,9%), di cui 246mila teu sulle navi dirette verso est (+19,4%) e 125mila teu su quelle dirette verso ovest (+6,8%). Il traffico sulle rotte Asia-Europa si è attestato a 291mila teu (+61,7%), di cui 118mila teu trasportati da ovest ad est (+53,2%) e 173mila teu nella direzione opposta (+68,0%).
NYK ha concluso il secondo trimestre dell’anno fiscale 2017 con ricavi pari a 542,6 miliardi di yen, in rialzo del +18,5% sul corrispondente periodo dell’esercizio precedente. Utile operativo e utile netto hanno totalizzato rispettivamente 9,2 miliardi e 3,9 miliardi di yen contro risultati entrambi di segno negativo per -11,5 miliardi e -217,0 miliardi di yen nel trimestre luglio-settembre dello scorso anno. Nel solo settore dei servizi containerizzati di linea NYK ha registrato ricavi pari a 179,1 miliardi di yen (+28,6%) ed un utile ordinario di 7,7 miliardi di yen rispetto ad un risultato di segno negativo per -6,5 miliardi di yen nell’esercizio precedente.
NYK non ha ancora reso noto il totale del volume di traffico containerizzato trasportato dalle proprie navi nel trimestre luglio-settembre di quest’anno, ma solo il traffico movimentato negli scorsi mesi di luglio e agosto che è ammontato complessivamente, e relativamente alle sole rotte eastbound, a 172mila teu per i servizi Asia-USA (+20,3%) e a 119mila teu per quelli Asia-Europa (+40,0%).
Nell’intero primo semestre dell’esercizio fiscale 2017 (periodo aprile-settembre) la compagnia “K” Line ha registrato ricavi pari a 578,9 miliardi di yen, con un aumento del +17,9% sulla prima metà dell’esercizio precedente. Utile operativo e utile netto sono stati pari a 6,2 miliardi e 13,2 miliardi di yen contro risultati di segno negativo per -36,1 miliardi e -50,5 miliardi di yen nel primo semestre dell’esercizio 2016.
MOL ha archiviato il periodo aprile-settembre di quest’anno con ricavi pari a 818,9 miliardi di yen (+14,8%). L’utile operativo è stato di 11,1 miliardi di yen (+215,5%) e l’utile netto di 13,1 miliardi di yen (-18,3%).
Nei primi sei mesi dell’anno fiscale 2017 NYK ha totalizzato ricavi pari a 1.064,3 miliardi di yen (+14,6%). L’utile operativo e l’utile netto sono stati pari a 12,7 miliardi e 9,3 miliardi di yen contro risultati di segno negativo per -22,5 miliardi e -229,8 miliardi di yen nel primo semestre dell’esercizio 2016.

Articolo realizzato da InforMare S.r.l. – Riproduzione riservata

 

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento