Fincantieri avvia la costruzione della seconda delle tre navi per Virgin Voyages

Venerdì nel cantiere navale di Sestri Ponente (Genova) del gruppo Fincantieri si è svolta la cerimonia per il taglio lamiera della seconda di tre navi da crociera commissionate da Virgin Voyages, brand del gruppo Virgin. La nuova nave, come le unità gemelle, avrà circa 110.000 tonnellate di stazza lorda, una lunghezza di 278 metri, una larghezza di 38, e sarà consegnata nel 2021.
In occasione della cerimonia il fondatore del gruppo Virgin, Sir Richard Branson, ha svelato il nome della prima unità in costruzione presso lo stesso cantiere: Scarlet Lady, ispirato dal nome di uno dei primi aerei in servizio presso la flotta di Virgin Atlantic. Scarlet Ladyprenderà il mare nel 2020, mentre la terza nave ordinata a Fincantieri sarà ultimata nel 2022.
Le tre navi saranno dotate di oltre 1.400 cabine in grado di ospitare a bordo più di 2.700 passeggeri, assistiti da un equipaggio di 1.150 persone.
Intanto il governo degli Stati Uniti ha assegnato al consorzio guidato da Lockheed Martin, del quale fa parte Fincantieri Marinette Marine (FMM), un ordine con lo strumento della Undefinitized Contract Action, come anticipo sul contratto di Foreign Military Sales per la costruzione di quattro unità Multi-Mission Surface Combatants (MMSC) destinate all’Arabia Saudita. Le navi verranno costruite nello stabilimento Fincantieri di Marinette, nel Wisconsin. L’anticipo finanzierà, per un ammontare fino a 450 milioni di dollari, l’avvio della progettazione di dettaglio e la pianificazione per la costruzione delle quattro unità e verrà ripartito principalmente tra Lockheed Martin e Fincantieri Marinette Marine.
Venerdì, inoltre, l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, ha reso noto che in mattinata è deceduto Corrado Antonini, ex amministratore delegato ed ex presidente di Fincantieri: «ci lascia – ha sottolineato Bono – un patrimonio di saggezza, rigore morale e onestà. Seguiremo il suo esempio. Quest’azienda fa le cose per bene,e questo ci ha fatto conoscere nel mondo». Tra i messaggio di cordoglio per la morte di Antonini, quello della Federazione del Mare: «la Federazione del sistema marittimo italiano esprime grande tristezza per la scomparsa del presidente d’onore Corrado Antonini, cavaliere del lavoro, di cui ricorda il ruolo rivestito al vertice dell’organizzazione per ben quattordici anni, sempre svolto con autorevolezza, entusiasmo e diplomazia, sia in patria che all’estero. La sua lunga presidenza tra il 1997 e il 2011 – ha evidenziato la Federazione del Mare – si è caratterizzata per l’impulso che ha voluto dare al cluster marittimo, di cui ha saputo mettere in evidenza il ruolo di primo piano che svolge ai fini dello sviluppo economico e sociale,non solo nelle tante città costiere ma in tutto il Paese».

Articolo realizzato da InforMare S.r.l. – Riproduzione riservata

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento