Consiglio direttivo e Assemblea ordinaria di CISCo: nuovi incarichi e programmi per il futuro

Si sono riuniti ieri il Consiglio direttivo e l’Assemblea ordinaria dei Soci di CISCo. Alla presenza del presidente Filippo Gallo e del segretario generale Giordano Bruno Guerrini sono stati nominati Massimiliano Giglio come segretario vicario e Antonio Rosina come sindaco unico. L’Assemblea ha ringraziato il presidente uscente dei revisori dei conti, Luigi Robba, per il lavoro svolto in questi anni.

Nella sua relazione di fronte all’Assemblea, il presidente Gallo ha ricordato la riforma statutaria del Centro, approvata lo scorso 30 novembre 2018, che ha portato «all’assunzione della qualifica di Impresa sociale». Questo ha permesso «di poterci iscrivere al Registro delle imprese, mantenendo l’originaria condizione di associazione non riconosciuta. Questa transizione ci permetterà di incrementare le nostre attività, in particolare nell’ambito degli studi e progetti europei, e aprirà interessanti prospettive sui finanziamenti possibili, anche per i nostri Soci».

Il segretario generale Guerrini ha sottolineato l’importanza delle prossime iniziative di CISCo. In particolare, il convegno sul 5G e l’industria dei trasporti, che si terrà al mattino del prossimo 29 maggio alla Camera di Commercio di Genova e a cui parteciperà l’impresa cinese Huawei. «E’ il nostro piccolo contributo – ha detto il segretario generale – a far conoscere un tema di cui si parla molto ma su cui pochi sono informati, in particolare per il contributo che può dare alle autostrade informatiche o alla geolocalizzazione, temi che interessano la nostra industria».

Un altro appuntamento importante è il corso sul trasporto reefer, destinato alle agenzie marittime, che comincerà il prossimo 10 settembre a Genova e durerà sette settimane. «E’ il nostro fiore all’occhiello a cui abbiamo lavorato per due anni. Abbiamo raccolto le conoscenze dei produttori di merce deperibile per far conoscere le esigenze dei prodotti agroalimentari anche ai fornitori di servizi, che spesso sono impreparati. Il corso spiegherà quello che deve essere fatto, facendo incontrare produttori e fornitori di servizi logistici. Si tratta di un corso nazionale, ma non escludiamo di aggiungere spin off locali se servirà».

Guerrini ha ricordato che nel 2019 il CISCo sarà presente a fiere internazionali a Brema (Breakbulk, 21-23 maggio), Monaco (Transport Logistic, 4-7 giugno) e Shenzhen (Cilf, 10-12 ottobre). «Nel 2020 vogliamo essere in Nord Africa. In questa regione non vengono organizzate fiere internazionali, ma stiamo pensando a una presenza congiunta con Camere di Commercio locali in Egitto o in Maghreb».

Infine è stata messa in evidenza l’importanza del ruolo che CISCo (assieme a Cosco Italy) svolge in rappresentanza dell’Italia e per conto del ministero delle Infrastrutture e Trasporti (Mit) al tavolo delle Nazioni Unite di Ginevra sulla standardizzazione dei location code. CISCo vuole replicare lo stesso modello di collaborazione fra pubblico e privato, che sta funzionando in maniera efficiente per i locode, anche al settore agricolo, creando una piattaforma per la definizione di protocolli standard per l’esportazione.

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento