In merito alle notizie
riportate su sconti e offerte promozionali, Costa Crociere ritiene di dover
precisare quanto segue: “Non è mai stato offerto dall’azienda nessuno sconto
per future crociere agli ospiti  a bordo di Costa Concordia sulla crociera
del 13 gennaio e coinvolti nel tragico incidente. L’informazione lanciata da un
giornale, e riportata da diversi organi di informazione, è totalmente infondata
come confermatoci dallo stesso passeggero inglese che è stato citato dalla
testata. Costa Crociere ribadisce che, in seguito al tragico incidente, la
priorità dell’azienda è stata sempre quella di fornire la massima assistenza e
il massimo conforto alle persone coinvolte. L’azienda è sempre stata
consapevole e addolorata per le sofferenze e i disagi che gli ospiti e i membri
dell’equipaggio  hanno subìto ed ha agito tenendolo nella massima considerazione. 
In collaborazione con le squadre di soccorso l’azienda si è attivata per
fornire ai passeggeri e ai membri dell’equipaggio evacuati tutta l’assistenza
necessaria e per garantire il loro rientro a casa. In seguito ha contattato
telefonicamente gli Ospiti rientrati a casa, per assicurarsi delle loro
condizioni di salute ed emotive, e per confermare loro il rimborso della
crociera e di tutte le spese materiali ad essa collegate. Come già annunciato,
l’azienda è aperta al dialogo con i propri ospiti e con tutte le associazioni
che tutelano gli interessi dei consumatori, con il supporto delle associazioni
di categoria del settore turismo/viaggi, con cui è già in contatto da giorni,
per determinare gli indennizzi relativi ai disagi sostenuti. La compagnia,
spinta da senso etico e dai valori di correttezza e responsabilità che la
guidano, ha inoltre dato la possibilità a tutti i clienti prenotati, se lo
ritenevano opportuno perché turbati dalla tragedia, di cancellare la crociera
prenotata, previa comunicazione entro il 7 febbraio. Tutte le agenzie di
viaggio che collaborano con l’azienda sono state prontamente informate di
questo giorni addietro. Costa Crociere informa inoltre di aver sospeso, a
partire dal giorno successivo all'incidente, tutte le iniziative pubblicitarie
programmate per cordoglio e rispetto nei confronti di chi è stato colpito da
questa tragedia. Solo una comunicazione postale, già partita ad alcuni clienti
a fine dicembre, non è stato possibile bloccare”.