Se non saranno effettuati gli interventi previsti dal Piano nazionale della logistica, i costi al 2020 supereranno i 200 miliardi di euro e si perderanno decine di migliaia di posti di lavoro. Lo rileva uno studio dell’Università Bocconi, presentato a Torino in un convegno organizzato dalla Consulta per l’Autotrasporto e per la logistica. Lo studio conferma la rilevanza delle infrastrutture ma anche di una serie di interventi, come lo sportello unico doganale o la rete telematica, che potrebbero rendere più efficiente la gestione delle merci.