Oggi sciopero di 8 ore dei lavoratori di Fincantieri a Castellammare di Stabia. La protesta dovrebbe interessare 400 operai dei 680 complessivi del cantiere, dato che una parte è in cassa integrazione. Non è escluso che vi possano aderire anche lavoratori dell'indotto. «Le ragioni per cui i lavoratori di Castellammare si fermano – spiega Giovanni Sgambati, segretario regionale campano Uilm – sono legate all'atteggiamento della giunta della Regione Campania di totale disinteresse alla crisi. La Campania non ha confermato l'adesione all'iniziativa di Fiom, Fim e Uilm sulla cantieristica programmata a Roma per il 21 settembre, come invece hanno fatto altre istituzioni regionali interessate dalla crisi Fincantieri. Ancora più grave la messa in discussione di ciò che si era concordato per avviare concretamente la realizzazione del nuovo bacino di costruzione a Castellammare di Stabia, cosa che metterebbe in grave pericolo l'esistenza del cantiere stesso». Annunciato anche un presidio sotto la sede della Regione. (Da Maritime Transport Daily Newsletter)