I tre armatori ritenuti responsabili del crac da 40 milioni di euro della Dimaiolines hanno patteggiato la penna, chiudendo con un saldo complessivo di 13 anni e 8 mesi la vicenda giudiziaria della bancarotta fraudolenta perpetrata dai tre soci della compagnia. L’ex amministratore unico Carlo Di Maio è stato condannato a quattro anni e otto mesi di reclusione, quattro anni e sei mesi per ilo cugino Angelo Di Maio e tre anni e sei mesi per Angela Di Maio. Il tribunale di torre Annunziata ha tenuto conto della collaborazione dimostrata dagli armatori, che hanno ammesso le proprie responsabilità pur ribadendo di avere agito in assoluta buona fede. Il verdetto emesse è solo il primo dei sette attesi.