L’Italia del mare cresce in termini di trasporti marittimi: 478 milioni di tonnellate di merce movimentata nel 2011, 37 miliardi di euro investiti in 10 anni per la modernizzazione di una flotta che, oggi, è tra le più giovani e tecnologicamente avanzate, il terzo posto in Europa per merci movimentate via mare. Questi alcuni dei dati contenuti nella ricerca del centro studi SRM, collegato al gruppo Intesa- San Paolo, presentata a Genova nella sede della Banca d’Italia. La ricerca «Trasporti marittimi e sviluppo economico», affronta le dinamiche dell’Area Med mettendo in luce che, anche in tempo di crisi, il comparto italiano dello shipping continua non solo a tenere, ma a crescere. «Ci sono circa 7 mila imprese nel cluster dello shipping italiano, di cui 1.300 circa sono nel Nord Ovest e, quindi, in Liguria – ha sottolineato Massimo De Andreis, direttore di SRM. Secondo lo studio, le prospettive sono quelle di una crescita del comparto nel 2013. «L’economia africana sarà la grande
frontiera dello sviluppo italiano ed europeo – ha sottolineato il presidente di Assoporti, Luigi Merlo aggiungendo che « Per l’Italia può valere come una nuova Cina. Già stiamo lavorando sull’asse Tunisia, Libia e Marocco, ma guardiamo con attenzione anche ad altre economie in crescita, come quella turca»