Nell’ambito del Nodo ferroviario di Bari, il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) ha dato il via libera al progetto preliminare di una variante della linea fra Bari e Lecce nella zona a sud del capoluogo pugliese, con un costo di 391 milioni di euro coperto all’interno del Contratto di programma RFI 2007-2011. “Con l’approvazione del progetto – ha detto l’assessore regionale pugliese alle Infrastrutture, Guglielmo Minervini – abbiamo la sicurezza che la parte meridionale si farà. Adesso dovremo esercitare tutta la nostra pressione su Rfi perché proceda entro un anno alla realizzazione della progettazione definitiva”.