Il Coordinamento Fai di Napoli denuncia la riduzione dei traffici nello scalo campano, soprattutto in import. Per quanto riguarda i traffici in export, sostiene il Fai, “sostanzialmente la quota di lavoro è rimasta invariata, ma con un’organizzazione completamente diversa, in quanto è aumentata la concentrazione di lavoro in particolari giorni e fasce orarie”. L'associazione sottolinea le difficoltà di accesso al terminal container, con traffico sempre congestionato al varco Bausan a causa del fatto che i traffici in export sono concentrati in fasce orarie stabilite. “Tale scelta – sostiene il Fai – è dovuta dal sistema produttivo della nostra regione e non dalle imprese di autotrasporto. Chiediamo alla Guardia di finanza di rendere le operazioni di ingresso più fluide”. Poi l’operatività del terminal Conateco, dove “siamo costretti ad effettuare file nelle ore che vanno dalle ore 12.00 alle 21.00” e i lavori di miglioramento della viabilità che non sono stati ancora completati.