Secondo le previsioni di Hackett Associates e Institute of Shipping Economics and Logistics, nell’arco dei prossimi sei mesi I porti del Nord Europa registreranno un’ulteriore flessione del 10% del traffico container rispetto allo stesso periodo 2011 – 2012. A causa dell’accentuarsi della crisi economica e della stagnazione dei consumi, i volumi complessivi dovrebbero registrare una flessione del 9,3%, rispetto a quella del 6,7% registrata all’inizio del corrente anno. Per i volumi all’import la previsione per il 2012 è di una flessione del 2,8% a 16 milioni di teu, mentre all’export vi dovrebbe essere una crescita di 3,6 milioni di teu a 17,5 milioni di teu. Complessivamente, l’import del Northern Range dovrebbe scendere quest’anno a 20,8 milioni di teu (-11,9%), mentre l’export dovrebbe salire a 16,9 milioni di teu. La movimentazione complessiva del 2012 si dovrebbe attestare a 40 milioni di teu, grosso modo sui livelli dello scorso anno. La ripresa non è prevista prima del 2014.