Con alcuni mesi di ritardo rispetto ai programmi, i cantieri coreani IHI Marine United ed Universal Shipbuilding si sono fuse dando vita alla nuova Japan Marine United, una società con capitalizzazione di 25 miliardi di yen ($ 287 milioni) controllata con quote del 45,9% sia dal gruppo IHI che da JFE, casa madre di Universal, e con l’8,2% da Hitachi Zosen.