Standard and Poor’s (S&P) ha declassato il rating del debito della compagnia israeliana Zim a B negativo, ritenendo che la sua casa madre, Israel Corp, non intenda sopperire alle difficoltà finanziarie dell’azienda con dimensioni simili alle iniezioni di capitale garantite nel 2009 e 2010. Se vi sarà un intervento di sostegno da parte di Israel Corp, ritiene S&P, sarà di scala inferiore rispetto al passato. La Israel Corp controlla il 99,7% del capitale Zim, con la piccola differenza di proprietà del Governo israeliano. Dal 2008 Zim ha accumulato perdite per $ 1,3 miliardi, con 14 trimestri consecutivi in rosso fino al terzo trimestre 2012, che per la prima volta ha visto un ritorno all’utile.