I gruppi coreani CJ Korea Express (CJ Cheil Jedang), Dong-A Tanker e SK Shipping si sarebbero chiamati fuori dalla gara per l’acquisizione di Korea Line, il secondo operatore bulk del Paese dopo STX Pan Ocean, da tempo in crisi di liquidità. Per il momento, resterebbe in gara solo il Fondo di private equity Hahn & Zenith Partners Korea. Anche la STX Pan Ocean è di fatto in vendita, a seguito della decisione della casa madre STX di cedere la sua quota di controllo del 36%. Lo scorso anno, quando venne messa in amministrazione controllata, Korea Line operava una flotta di proprietà di 39 navi. Con la cessione di una decina di unità operata nell’ultimo anno, la flotta di proprietà si è adesso ridotta a 29 navi, mentre le navi a noleggio sono scese dalle 148 prima della bancarotta a nessuna.