Il Comitato Portuale di Livorno ha accettato la richiesta della società indonesiana Masol per la realizzazione di un impianto di biodiesel e una raffineria di olio di palma assegnandole 10 mila metri quadri di terreno nell’area ex Seal sulla sponda est della Darsena Toscana. L’affitto dell’area avrà durata trentennale. L’accettazione dell’istanza di locazione è condizionata al rispetto da parte di Masol di quanto definito dal piano industriale, che prevede investimenti per 55 milioni di euro, e un’occupazione tra diretto e indotto di 285 persone. La Masol prevede di movimentare a Livorno circa 600mila tonnellate di merce (sia materie prime che biodiesel), facendo dello scalo un vero e proprio polo internazionale per la commercializzazione e la produzione di prodotti derivanti dall’olio di palma, sia nell’ambito alimentare e farmaceutico che in quello dei biocarburanti.