Ha aperto i battenti il Dubai International Boat Show, il salone nautico più importante del Medio Oriente, la regione che possiede 30 dei 100 più grandi yacht al mondo. Alla sua ventunesima edizione, presenta durante cinque giorni espositive, oltre 430 imbarcazioni che spaziano dal diporto all’ extra-lusso. Solida, anche quest’anno, la presenza italiana che ha con il salone uno stretto rapporto di collaborazione: l’Istituto italiano per il commercio estero, in collaborazione con Ucina, ha organizzato una partecipazione collettiva di 20 tra organismi ed imprese italiane del settore, tra cui quelle del distretto ligure, coordinato dalla Regione Liguria, Liguria International e Wtc Genova. Ne’mancano marchi di prestigio, costante presenza al Salone: dal gruppo Benetti a San Lorenzo, da Ferretti a Fincantieri. Il mercato nautico regionale è in netta ripresa e registra una virata d’interesse verso imbarcazioni più grandi e lussuose. ”I dati relativi ai primi undici mesi del 2012 mostrano un aumento dell’export italiano verso gli Emirati Arabi Uniti del 35,3% per un volume che supera i 22 milioni di euro,” ha commentato il direttore dell’ufficio ICE di Dubai, Ferdinando Fiore. Nel 2011 le esportazioni italiane di navi ed imbarcazioni verso gli Emirati avevano collocato l’Italia al secondo posto nella graduatoria dei fornitori esteri del settore, dopo la Francia e prima della Germania.