Accogliendo il ricorso presentato da alcuni spedizionieri comaschi contro la riduzione dell’orario, il  Tribunale Amministrativo Regionale della Lombardia ha imposto tempi più lunghi di apertura degli uffici. La Direzione delle Dogane di Como aveva deciso di ridurre l’orario di apertura di tre ore al giorno dello sdoganamento per le merci in uscita dall’Italia, dalla fascia 07:00-20:00 dei giorni feriali a quella 08:00-18:00, con disagi e grave danno per gli operatori. A Como è attivo il sistema informatico che valuta il rischio di ogni spedizione, e il controllo fisico avviene solamente in presenza di alcuni parametri. Il TAR ha imposto il ripristino degli orari precedenti, imponendo anche all’amministrazione delle Dogane il pagamento delle spese giudiziarie.