Il gruppo greco Attica, controllato da Marfin Investment, ha chiuso l’esercizio 2012 con la perdita netta di 53,3 milioni di euro, malgrado il fatturato sia cresciuto del 3,7% dai 246,8 milioni di euro del 2011 a 256 milioni di euro. La perdita netta dell’esercizio precedente era stata di 86,5 milioni di euro. L’accorpamento di alcuni servizi e la riduzione dei costi hanno consentito l’ottenimento di un migliore margine operativo. Il risultato netto sconta una svalutazione di 20,4 milioni di euro ed una perdita di 6,4 milioni di euro per la vendita del traghetto Superfast VI, ceduto al gruppo Genting. I servizi fra la Grecia e l’Italia hanno trasportato 476.150 passeggeri (-17%), 114.888 unità di carico (+1%) e 99.923 auto (-23%).