Ribaltando la sentenza di primo grado del 2006, la Corte d’Appello di Bari ha deciso che l’impresa che realizzò il nuovo Terminal Crociere di Bari dovrà restituire  oltre 5,5 milioni di euro all’Autorità portuale. La vicenda era iniziata nel 2004 ed era legata a compensi vantati dall’impresa. La questione era stata affidata a un arbitrato e aveva portato nel novembre 2005 a un lodo sfavorevole per l’Authority, poi appunto la sentenza del Tribunale, che nel 2006 impose all’Autorità portuale il pagamento di oltre 5,5 milioni di euro. L’Authority pagò, ma allo stesso tempo impugnò sia il lodo arbitrale sia l’azione esecutiva della ditta che aveva portato alla sentenza del tribunale ora ribaltata in appello.