Articolo realizzato da inforMARE s.r.l. – Riproduzione  riservata
Un nuovo sito internet consentirà di monitorare in tempo reale l’avanzamento delle attività
Martedì  11 Febbraio presso la Regione Puglia si è tenuto un incontro istituzionale di verifica dello stato di avanzamento delle opere di adeguamento infrastrutturale del porto di Taranto. L’analisi condotta dall’assessore regionale ai Trasporti, Giovanni Giannini, e dal presidente dell’Autorità Portuale di Taranto, Sergio Prete, ha evidenziato che «nell’ambito della Piastra Portuale di Taranto, le cinque opere previste (strada dei moli, ampliamento del IV sporgente, darsena a ovest del IV sporgente, piattaforma logistica e vasca di contenimento dei fanghi ad ovest di Punta Rondinella), ricevute le ultime autorizzazioni da parte della Provincia di Taranto sull’impianto di trattamento dei fanghi “rossi” di dragaggio, sono tutte a lavori già iniziati o in fase di consegna delle aree agli appaltatori».
Inoltre «il dragaggio e l’approfondimento dei fondali al Molo Polisettoriale con connessa vasca di colmata dei fanghi, ha concluso l’iter procedurale della Valutazione di Impatto Ambientale e si è solo in attesa del decreto che, al momento, è alla firma del ministro Bray del MIBAC e del ministro dell’Ambiente Orlando, al quale rimarrà da firmare il conclusivo propedeutico decreto di cui all’art. 5 bis della legge 84/94». È stato anche ricordato che «il consolidamento/adeguamento dell’esistente banchina del Molo Polisettoriale ha già visto l’aggiudicazione definitiva della gara e nonostante il ricorso al TAR del secondo e terzo classificato, il 5 di marzo, con la discussione del merito si avrà contezza del contraente con il quale sottoscrivere il contratto» e che «la riqualificazione del Molo Polisettoriale in radice, conclusa la conferenza dei servizi con esito positivo ed ottenuto da parte del Comune di Taranto il provvedimento di autorizzazione paesaggistica è in corso la redazione del progetto esecutivo».
Giannini e Prete hanno rilevato che «per la nuova diga foranea il progettista incaricato dalla TCT Spa sta adeguando il progetto alle prescrizioni del Comitato Tecnico Amministrativo del provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche» e che «il potenziamento degli esistenti collegamenti ferroviari del porto, ultimate le attività di progetto da parte di RFI, è in attesa degli esiti sulla notifica degli aiuti di Stato. Verrà tuttavia richiesto ad RFI di avviare comunque le procedure di gara con le opportune clausole di salvaguardia».
È stato inoltre approfondito lo stato di avanzamento dell’iter di approvazione, in variante al PRG del Comune di Taranto, del nuovo Piano Regolatore del Porto, evidenziando che «il consiglio comunale, competente al rilascio dell’atto conclusivo, dovrebbe esprimersi in breve circa questo fondamentale strumento regolatore dell’assetto complessivo del porto».
In occasione dell’incontro il presidente dell’Autorità Portuale ha presentato il nuovo sito internet “futureport” che verrà attivato nelle prossime settimane e messo a disposizione della comunità tarantina e pugliese per monitorare in tempo reale l’avanzamento delle attività e rendere leggibili e trasparenti le evidenze degli atti amministrativi di ogni progetto.