Articolo realizzato da Redivo SAS – Riproduzione  riservata
Dalle statistiche della Polizia stradale risulta che, malgrado i controlli nel corso del 2013 siano aumentati dell’8,5% e quelli nei confronti dei trasportatori stranieri siano cresciuti fino al 30% del totale, le infrazioni relative al trasporto abusivo di cabotaggio è di appena 98. A giustificare la scarsa consistenza dei fermi sarebbero sia le difficoltà dell’attività di controllo, sia le modalità elaborate dai trasportatori stranieri per scongiurare le contestazioni. Tra le associazioni presenti nella Commissione di vigilanza, Anita ha chiesto una modifica delle sanzioni relative al trasporto abusivo di cabotaggio, prevedendo l’inversione dell’onere della prova a carico del vettore e l’ipotesi di recidiva, nonché il superamento della sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo per tre mesi, sostituita da un forte incremento della sanzione pecuniaria che il vettore è tenuto a corrispondere su strada per sbloccare il veicolo.