A meno di nove mesi dal suo ampliamento il canale di Panama è già stato attraversato da mille navi neo-Panamax

Ad oggi 13 servizi di linea neo-Panamax transitano attraverso le nuove chiuse; altri due si aggiungeranno il prossimo mese

A poco meno di nove mesi dall’inaugurazione delle nuove chiuse del Canale di Panama, che consentono il transito di navi di maggior dimensione nella via d’acqua centroamericana, ieri la portacontainer MSC Anzu della compagnia Mediterranean Shipping Company (MSC), che ha una capacità di carico pari a 9.008 teu ed è transitata da ovest ad est, è stata la millesima nave neo-Panamax a passare nel canale. Prima dell’ampliamento il canale poteva essere attraversato solo da navi fino alla dimensione Panamax, tipologia di unità le cui caratteristiche sono definite dall’Autorità del Canale di Panama e che presentano una larghezza sino a 32,31 metri, mentre la larghezza delle navi neo-Panamax arriva fino a 49 metri.
L’Autoridad del Canal de Panamá (ACP) ha reso noto che questo mese il numero medio di navi neo-Panamax che hanno attraversato il canale è stato di 5,9 e che oltre la metà di questa tipologia di navi è costituita da portacontainer. Inoltre l’Autorità ha specificato che lo scorso mese è stato stabilito il nuovo record giornaliero di tonnellaggio delle navi transitate nel canale con 1,18 milioni di tonnellate PC/UMS, mentre record mensili sono stati stabiliti a dicembre 2016 e a gennaio 2017 rispettivamente con 35,4 milioni e 36,1 milioni di tonnellate PC/UMS.
L’Autorità ha sottolineato che sinora l’ampliamento del canale ha indotto le compagnie di navigazione a reindirizzare molti servizi di linea attraverso Panama per sfruttare le economie di scala offerte dal potenziamento del canale. Fino ad oggi – ha precisato l’ACP – 13 servizi di linea neo-Panamax, principalmente sulla rotta tra la costa orientale degli Stati Uniti e l’Asia, sono stati trasferiti al passaggio attraverso le nuove chiuse e si prevede che il prossimo 1° aprile, quando diverranno operative le nuove grandi alleanze armatoriali, si aggiungeranno altri due servizi neo-Panamax.

Articolo realizzato da InforMare S.r.l. – Riproduzione riservata

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento