Ok della Conferenza delle Regioni al riparto del Fondo per il finanziamento degli interventi di adeguamento dei porti

Ieri la Conferenza delle Regioni ha dato parere positivo in merito al riparto del Fondo, pari a 63,5 milioni di euro, per il finanziamento degli interventi di adeguamento dei porti per l’anno 2017. «Nel parere – ha reso noto Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome – rilasciamo anche delle raccomandazioni indirizzate al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti al fine di affrontare in modo organico il sostegno degli interventi di adeguamento dei porti. Vi deve essere una particolare attenzione rivolta allo sviluppo porti minori per favorire così la loro crescita».
«Nel provvedimento – ha aggiunto Bonaccini – abbiamo una norma che agevola la realizzazione delle opere previste nei piani regolatori portuali e nei piani operativi triennali delle Autorità Portuali. Si intende così promuovere il potenziamento della rete infrastrutturale e dei servizi nei porti e nei collegamenti stradali e ferroviari. Si crea inoltre un apposito fondo, pari all’1% all’anno dell’imposta sul valore aggiunto dovuta sull’importazione delle merci introdotte nel territorio nazionale per ciascun porto».
Il Fondo provvede a ripartire le risorse disponibili per l’annualità 2017 attraverso una quota pari all’80% (50,8 milioni) che viene attribuita in base ad un meccanismo puramente matematico privo di elementi di discrezionalità. Il restante 20% (12,7 milioni) è assegnato nel rispetto del dettato legislativo secondo finalità di carattere perequativo che tengono conto delle esigenze infrastrutturali delle diverse Autorità Portuali.

Articolo realizzato da InforMare S.r.l. – Riproduzione riservata

Questo articolo ha 0 Comments

Lascia un commento